Il guardiano della torre

Critica il guardiano della torre

ANIME  “inferno” 

il trichierotauro

A cura di

Ivano Parolini

Da medioevali gargoil, bestie e demoni, che ancora si ergono, barriera e memento, sulle mura di molti monumenti sacri della nostra storia, tra figure umanoidi e corpi ibridi con cui nel tempo si è cercato di palesare iconograficamente la presenza del Maligno, Satana, Lucifero, Belzebù che sia, ecco qui farsi “rinvenimento” stupefacente in anfratti della nostra quotidianità, da millenarie lontananze, questo eccezionale reperto che la creatività di Ivano Parolini pone idealmente a conclusione dell’azione artistica “anime, il viaggio verso l’eterno” realizzatosi recentemente nella Basilica di Gandino con la parte salvifica e trionfante del percorso ultraterreno verso la luce della salvezza.

Cammino perciò precluso alle anime perse alla Grazia e che trova in questa tappa finale con l’installazione “inferno” l’opposto senso di un definitivo non ritorno.

Realizzata in uno degli antri più noti della bergamasca, la grotta Buca del Corno di Entratico d’epoca giurassica, l’installazione, trovando il sito metaforico ideale per la propria concettualizzazione, è costituita da un’imponente realizzazione scultorea che l’artista ha ricostruito con un paziente lavoro di preparazione al limite della paleontologia,

“TRICHIEROTAURO”, questo il titolo dell’opera, è in realtà la ricomposizione di un insieme di ossa di otto diversi animali, pazientemente repertate e trattate, prevalentemente taurine (da qui il nome), che allude ad un essere a tre teste con propaggini alate a sorta di immenso pipistrello, anche innestandosi in precedenti iconografici sia della mitologia che della storia dell’arte, sulle persistenti tracce di quell’essere mostro-minotauro a cui pure Dante ricorre nella rappresentazione del XII Canto a guardia dei violenti.

Come nella precedente azione, così in questo contesto finale l’ambientazione si compone di suoni e luci, attori fondamentali, con le relative videoregistrazioni digitali di ogni evento, nelle dinamiche creative dell’autore: un insieme di led a varie altezze, qui rossi in evidente riferimento agli inferi, su un sottofondo di suoni e grida laceranti e di drammatica tensione a significare il buio della perdizione a fronte della luce che in Basilica accolse salvifica.

Opposti irreversibilmente quindi i due momenti scenici: là un “Crocifisso”, pala d’intensa emotività pittorica in cui tutto può sublimarsi, qui la demoniaca presenza del male nell’assemblage di una messa in scena di un’eterna condanna.

  

Quanto allora di un surreale soffio di duchampiano ready-made, da un’intima vocazione pop, new-dada, è presente in questo sorprendente doppio gioco d’Ivano Parolini che affida con originale intuizione ad una illusoria “repertazione” di tracce riemerse da millenni e ricreate in nuova reale temporalità, la straordinarietà di un oggetto d’ambigua “altra” natura, offerto tutto alla più libera fruizione interpretativa?

Molto del gusto postmoderno che vede nell’oggetto in sé l’elemento strategico di una robusta linea dell’arte contemporanea, continua ad ammaliare generazioni di non conformisti ricercatori, in una sottile persistente sfida di “significati”, appoggiandosi ad un piano possibile di “significanti”, tuttora iconicamente parte di un millenario forte immaginario popolare, per affidare infine “l’opera” ad una propria autonoma diversa, concreta incombenza.

Lo spazio della scena in questo “inferno” è intrinsecamente protagonista dell’operazione artistica, di estremo interesse nella sua unicità, ben oltre l’impatto spettacolare della rappresentazione e dalle imprevedibili evoluzioni: può accadere così che l’essere oscuro che domina nel nuovo ensemble per lui mediato dall’artista, sia in fieri, forse mutante nelle enormi dimensioni non concluse, non del tutto acquietato dal respiro del tempo che l’ha finora celato.

E’ qui, in questa doppia illusione rivelativa, forse infine trascinato persino fuori dai propri consueti terribili significati.

 

Novembre 2016
Sandra Nava

Questo sito utilizza i cookie per migliorare la navigazione. continua